Ogni volta che un servizio di Studio Aperto vede la luce, un piccolo bambi muore.

Vorrei fare una segnalazione a quei giganti del giornalismo di Studio Aperto che da oltre un anno stanno portando avanti una meravigliosa, completa, precisa e avvincentissima inchiesta su una pericolosissima, lunghissima ed enorme pantera che vaga per Palermo, dopo esser fuggita dalla villa di un potentissimo mafioso. Qui il video. Guardatela come si muove sinuosa e lunga sui tetti dei quartieri a sud della città. Ecco, adesso la pantera sta a Parigi per la fèscion uìc.

Si tratta indubbiamente della stessa pantera, basta sovrapporre il cartamodello dell’outfit di   Givenchy per ottenere una corrispondenza esatta.  O il moodboard di collezione. Approfitto inoltre per avvertire la redazione che le graziose banane attaccate agli orecchini della Signora Prada per la Primavera-Estate 2011 sono finte. Sembrano vere, ma sono finte. Nutro invece forti dubbi sugli accessori di Anna dello Russo. Vi invito a indagare ulteriormente perché secondo me quelle sì che sono ciliegie vere. E trovo sia un pericolosissimo messaggio per l’Ambiente.

 

A Cuneo.

Volevo approfittare di questo mio autorevole e seguitissimo spazio per fare una dedica a Daniela, quella delle Kelly di Hermès, quella dei tacchi-come-protesi, quella del mangio-del-mio-mangio-e-lo-rivendico-con-orgoglio. La dedica è qui. Dal minuto 2:10, volendosi evitare il molesto Claudio Bisio.  Perché ieri, mentre ammiravo le braccia di Paola Cortellesi, mi sono ricordato di questa scenetta qua, che m’era tanto piaciuta.