Assistenti di volo prepararsi al decollo.

Sono da poco passate le cinque del mattino, è ancora buio per dire, e ho già sfiorato un overbooking dopo che nell’ultima settimana Alitalia mi ha chiamato tre volte per convincermi a cambiare volo, offrendomi niente meno che un voucher da 75 euro se avessi abbandonato il comodo volo diretto da un’ora e quaranta minuti per un più comodo volo, due giorni dopo, con scalo a Roma, partenza alle sei del mattino e arrivo nel primo pomeriggio.
Una famiglia di rumorosissimi filippini, munita di figlie in sovrappeso dotate di PS2 con evidentemente il tasto mute non funzionante.
Famiglie autoctone fortemente disorientate dalla vastità di questo aeroporto che conta ben: un banco check-in, un unico accesso per i controlli di sicurezza e, udite udite, un unico gate. Numero di voli in programma per le prossime 5 ore: uno.
Dicevo, tutto questo e non è ancora sorto il sole. Ma Linate è vicina e non dovrei fare scalo. Non mi sono venduto, per 75 euro.

Un pensiero su “Assistenti di volo prepararsi al decollo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *