I bianchi dopo cena. Serviti freddi.

Antonella: ma soprattutto la ** ***** mi sta facendo fare un programma di recupero

franci: di recupero per cosa?

Antonella: devo dimostrare di aver frequentato almeno due etero a settimana

franci: vabbè, ma inventa nel caso

Antonella: eh, ma quella è furba, vuole le prove. e poi lo fa per me (ahahaha)

franci: you don’t need any kind of help. la caccia agli etero si apre a settembre, che non lo sai? col caldo svernano nel weekend, rimangono solo i poveri e io ai poveri non ti ci do.

Antonella: ai poveri no, voglio sperare. (comunque a me oggi stanno un po’ tutti sul cazzo)

Dund: (a me tutti i giorni, ma non ditelo a nessuno! è un segreto che non faccio trapelare mai)

Antonella: (soprattutto quel coglione che mi ha spinto)

franci: chi ti ha spinto?

Dund: quello alla fermata

Antonella: non ti ha detto matteo?

Dund: possa gettare il sangue

Antonella: mi hanno spinto alla fermata del tram, mi hanno fatto cadere a terra con borsa e tutto

franci: ma che cafoni!

Antonella: e ovviamente il tipo è salito sul tram e mi ha lasciato lì

Dund: MILANODIMMERDA

Antonella: a terra, con sbrego nei jeans e graffi vari. no, vabbè, i coglioni sono ovunque

franci: MILANO-VENDE-MODA ti butta per terra. nessuna vecchia ti ha soccorso?

Dund: a roma certe cose non succedono [esplosioni multiple di registratori di risate]. io mi vedevo già decapitato sulle rotaie

franci: a Roma le romene ti conficcano gli ombrelli nell’occhio e muori di emorragia. ve lo siete dimenticati?

Antonella: no, era pausa pranzo, a quell’ora i vecchi muoiono, se escono di casa

franci: povera stella. ma ti sei fatta segni in faccia?  cose visibili? no, dico, che nel w-end dobbiamo uscire.

Dund: e un giovane, anche non etero, che ti soccorresse?

Antonella: nessuno

franci: uno col bel fisico e la patta generosa neanche?

Antonella: né segno né giovine non etero

franci: ma che schifo però.

Antonella: eh

Don’t act like a hungry tiger.

Cose che si scoprono all’alba di un nuovo anno: Jo Squillo è una giornalista, è stata una cantante e Paris Hilton è capace di una gentilezza d’animo che nessuno si sarebbe mai aspettato. Peraltro, arguta osservatrice e con una sensibilità non indifferente, capisce immediatamente di trovarsi di fronte ad un modello di donna in disperato bisogno di aiuto e le snocciola l’abc del Manuale di Tecniche di Seduzione, capitolo uno, paragrafo primo: tiratela un po’, anche se non te lo puoi permettere [traduzione di: evitati inutili imbarazzi e spiacevoli rifiuti, giocando d’anticipo].

Effetti collaterali di un abusivismo per il quale non esiste alcuna sanatoria. L'abusare del proprio ego.

Categorie dello spirito in cui ci si imbatte lasciando il culo a casa meno del dovuto:

L’Arrizzacazzi: impiegare 72 ore per rispondere, con messaggio non richiesto, ad una mitragliata di complimenti fatti in stato pre-coma etilico e musica assordante in sottofondo; mitragliata di complimenti che avrebbe lasciato indifferente chiunque altro, ma non il soggetto arrizzacazzi. A onor di cronaca: per essere arrizzacazzi bisogna essere fighi e, il soggetto in questione, lo è oltre misura. Lo è, punto. Questo per dire che bisogna esserne, in una certa misura, titolati. Arrizzacazzi non ci si improvvisa.

L’eterno adolescente nato prima dei ’70: è il soggetto che, tra tutti i numerosissimi soggetti che non sono stati in grado di reggere l’urto del tempo, ha avuto la scellerata incoscienza di ancorare il suo look (?), la sua attitudine a quella difficile e fastidiosa fase regressiva umana che è l’adolescenza. L’eterno adolescente nato prima dei ’70 va a ballare e importuna noi che l’adolescenza l’abbiamo salutata ieri l’altro.

Temo seguiranno altre puntate, il mondo è bello perché è avariato.